Location, Galleria Principe Umberto, Napoli
375.5034102
info@guestitaly.com

Contributi alle imprese di ristorazione e pasticcerie che assumono apprendisti, ecco come fare

GIOVANI, TURISMO, CULTURA, TERRITORIO.

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 296 del 20 dicembre 2022 è stato pubblicato il Decreto del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali del 21 ottobre 2022,  che  intende    sostenere le imprese di eccellenza nei settori della ristorazione e della pasticceria e  valorizzare il patrimonio agroalimentare ed enogastronomico italiano  attraverso la promozione dell’occupazione di giovani specializzati  in questo ambito.

Il decreto definisce i limiti, i criteri e le modalità per  l’erogazione di contributi economici  per il 70 % delle retribuzioni di nuovi contratti di apprendistato con  giovani diplomati  negli istituti professionali  alberghieri.

Vediamo qualche dettaglio in più  su requisiti e tempistiche nei paragrafi seguenti.

Apprendisti per ristorazione e pasticceria:  beneficiari

 Possono beneficiare delle agevolazioni  le imprese in possesso dei seguenti requisiti:

 a) se operanti nel settore identificato dal codice ATECO 56.10.11 («Ristorazione con somministrazione»): essere regolarmente costituite ed iscritte come attive nel registro delle imprese da almeno dieci anni o, alternativamente, aver acquistato – nei dodici mesi precedenti la data di pubblicazione del decreto – prodotti  certificati DOP, IGP, SQNPI, SQNZ e prodotti biologici per almeno il  25 per cento del totale dei prodotti alimentari acquistati nello  stesso periodo;

 b) se operanti nel settore identificato dal codice ATECO 56.10.30  («Gelaterie e pasticcerie») e dal codice ATECO 10.71.20 («Produzione  di pasticceria fresca»): essere regolarmente costituite ed iscritte come attive nel registro delle imprese da almeno dieci anni o,  alternativamente, aver acquistato – nei dodici mesi precedenti la data di pubblicazione del presente decreto – prodotti certificati DOP, IGP, SQNPI e prodotti biologici per almeno il 5 per cento del totale dei prodotti alimentari acquistati nello stesso periodo;

 c) sono nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non sono  in liquidazione volontaria e non sono sottoposte a procedura concorsuale o a qualsiasi altra situazione equivalente

 d) non sono in situazione di difficolta’, cosi’ come definita dalregolamento di esenzione;

 e) in posssesso di DURC e in regola con gli adempimenti fiscali;

I giovani apprendisti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • aver conseguito un diploma di istruzione secondaria superiore presso un Istituto professionale  di stato per l’enogastronomia e servizi alberghieri( IPSEOA)   da non piu di  5 anni;
  • non aver compiuto 30 anni di età al momento della firma del contratto di apprendistato,

 Contributi  ristorazione e pasticceria per apprendisti

Vengono rimborsate le spese per il 70% della remunerazione lorda per i contratti di apprendistato  con un massimo di 30mila euro per ciascuna impresa, effettuate dopo la presentazione della domanda.

E’ consentita anche l’erogazione di un anticipo nella misura massima del 50 per cento del contributo richiesto, previa presentazione, da parte dei beneficiari del finanziamento, di fidejussione bancaria o assicurativa.  L’anticipo – se richiesto e spettante – viene erogato in  occasione dell’emanazione del provvedimento di concessione.

In alternativa si puo avere l’importo in tre rate annuali al termine di ogni anno di svolgimento del contratto.

 Presentazione delle domande e concessione dei contributi

 I termini e le modalita’ di presentazione delle domande di agevolazione saranno  definiti entro il 22 gennaio 2023  con provvedimento della Direzione generale per la promozione della qualita’ agroalimentare del Ministero, che fornira anche i modelli  di richiesta.

La gestione delle domande e dell’erogazione dei contributi è affidata a INVITALIA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *